IRLANDA: un Asino per Amico… di Viaggio!

Un itinerario di 10 giorni per ammirare i luoghi più suggestivi di Irlanda

A quanti di voi piacciono gli animali?

Ogni luogo della terra ha un suo animale simbolo, beh l’Irlanda, per me, ha come animale simbolo l’Asino.
Ce ne sono di diversi tipi, quello nero, marrone, bianco, rasta… Sono animali che spesso vengono tenuti in coppia e se il partner non è un asino allora troverete una capretta .
Questo articolo nasce per chi, come me , ama dare da mangiare a questi splendidi animali e allo stesso tempo vuole visitare diverse parti di Irlanda. Sarà come vedere l’isola di smeraldo attraverso i loro occhi…

Pronti a partire?

Per questo itinerario vi suggerisco di atterrare a Galway e ripartire da Cork.

IMPORTANTE: comprate un bel po’ di carote e mele al primo supermercato che incontrate.

Primi due giorni:

Una volta presa la macchina prendetevi una giornata o anche due per visitare il Connemara National park , tra laghetti, dolci colline e spiagge oceaniche coralline potrete incontrare diversi asini, cavalli e capretti che aspettano solo voi.( gliel’ho detto io 😉 )

Terzo giorno/ quarto giorno

Iniziate a scendere verso sud, seguendo la costa, per raggiungere il Burren national Park , lungo la N67 , arrivati a Ballyvaughan continuate sulla R477 , ovvero una strada costiera dagli scorci incredibili! Ad un certo punto vedrete una grande chiesa di nuova costruzione e accanto al giardino due asini molto simpatici che a volte fanno anche la linguaccia.

Visitate il parco nazionale del Burren compreso la profumeria naturale dove potrete scoprire prodotti tipici da bagno fatti con le piante locali e mangiare un ottimo pranzo vegetariano biologico.

Continuando ad esplorare il parco tra castelli, abbazie, tombe megalitiche e scorci lunari incontrerete, se siete fortunati, una coppia di asini bianchi che non vedono l’ora di ricevere le vostre coccole.

Quinto giorno

Continuando verso sud, immancabile la sosta alle Cliff of Moher, una lunga passeggiata sulle cliff vi daranno ed energia per continua il vostro viaggio verso la penisola di Dingle.

Il viaggio è lungo e quindi potete spezzarlo andando a visitare il castello di Buratti vicino a Snannon, oppure potete tagliare un pezzo di strada prendendo il traghetto a Kilrush. Attraccati a Tarbert potete fare un leggera deviazione sulla sinistra ed andare a visitare il museo Aeronautico di Foyle ( per chi è appassionato di aerei), famoso per essere stato il primo luogo di partenza dei voli tran-soceanici verso New York con passeggeri civili.

Sesto giorno

Blasket island è una isola ormai disabitata, con un ostello gestito da due splendidi giovani irlandesi.

Potete andare a visitare l’Isola o , se siete più avventurosi, pernottare una notte sull’isola.

Sono stata la prima volta nel 2014, quasi per caso, e me ne sono innamorata.

E’ un vero santuario di pace, con due asini di cui uno rasta che vivono liberi. Sono di indole più selvatica per cui è difficile che si lascino avvicinare.

Ciò che rende unico questo posto è un altro animale, ovvero una colonia di Foche che, come guardiani, seguono ogni mossa dal mare e durante la notte cantano emettendo un suono che ricorda quello delle sirene.

Settimo/ ottavo giorno

ritornati sull’isola principale ( se avete avuto l’ardire di dormire su Blasket Island) prendete la macchina e continuate il vostro cammino sulla R561verso il Ring di kerry ovvero verso la cittadina di Milltown da cui prendere la N70 per iniziare il giro di questo anello che vi donerà promontori mozzafiato.

Ed e proprio al termine del villaggio chiamato Glembeigh, in un prato a fianco al postoffice potrete trovare due asinelli avidi di carote, in questo caso attenti agli starnuti dei quadrupedi che potrebbero inondarvi.

Per visitare tutta la zona  servono almeno due giorni: fari, fortini celtici, castelli, monoliti, abbazie, spiagge sconfinate e tanti promontori, vi lasceranno il desiderio di tornare almeno una volta nella vita.

Nono Giorno

Concludete il cerchio facendo una sosta nella cittadina di Killarney, turistica ma graziosa, piena di vita e negozi. Un luogo da cui partire per visitare il Killarney national Park.

Un parco nazionale dove potrete fermarvi per ammirare cascate, laghetti e dove , se siete fortunati, potrete incontrare i cervi dal manto rosso, così cari alla Regina di Inghilterra.

Decimo giorno

L’ultimo giorno potrete raggiungere Cork utilizzando la N22 , e utilizzare il tempo che vi rimane della vostra vacanza per ripensare ai luoghi che avete visto, alle emozioni che avete provato e agli occhi di quei dolcissimi animali che avete incontrato!

Questo articolo vuole dare degli spunti, se desideri più informazioni contattami pure!

Se ti è piaciuto allora ti prego di condividere con chi ti è simpatico!

IlariaGiraMappaMondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Close your account?

Your account will be closed and all data will be permanently deleted and cannot be recovered. Are you sure?